Risoluzione e dpi photoshop

Per chi lavora con photoshop è impossibile non conoscere concetti come risoluzione dell’immagine e come controllarla e variarla all’interno del programma

Apriamo un immagine sul nostro pc con Photoshop cs4 innanzi tutto osserviamo che in basso a destra troviamo delle informazioni relative alle dimensioni del file appena aperto

Andando a cliccare sul triangolino nero a fianco possiamo accede ad una serie di informazioni legate alla nostra immagine

Tra cui troviamo anche i dati relativi alla dimensione immagine

Come possiamo leggere la nostra immagine misura 56,44 cm x 36,62 cm ed è a 72 dpi

Le stesse informazioni sono reperibili dal menu IMMAGINE – DIMENSIONE IMMAGINE

Nel pannello appena aperto troviamo una quantità di info molto più corpose rispetto al pannellino visto all’inizio del tutorial.
Come possiamo osservare questo pannello si divide in 2 parti
DIMENSIONE PIXEL : corrispondono alle dimensioni INPUT dell’immagine
Corrispondono alle dimensioni del file cosi com’è stato acquisito o con lo scanner o con una macchina fotografica digitale
DIMENSIONI DOCUMENTO : corrispondono alle dimensioni OUTPUT dell’ immagine
Corrispondono alle dimensioni e alla risoluzione del documento nel momento in cui vengono stampate
Nel nostro esempio leggiamo che l’immagine ha una dimensione di input di 1600 x 1038 pixel, ovvero se immaginiamo l’immagine coperta da una griglia questa sarà composta da 1600 colonne e da 1038 righe

La risoluzione invece che ritroviamo in dimensione documento corrisponde al numero di pixel che ci sono in un quadratino di un pollice per un pollice che corrisponde a 2,54 x 2,54 cm
Ovviamente è facile capire che quanti più pixel ci sono per pollice tanto più accurata sarà la nostra immagine, infatti più pixel vogliono dire una maggiore gamma di colori e forme degli oggetti con i bordi più regolari e meno frastagliati

Ritornando alla nostra finestra dimensione immagine possiamo notare che

Se nella finestra di output (STAMPA) andiamo a variare le dimensioni dell’altezza della foto in fase di stampa cambierà anche il corrispettivo valore di input.
Questa è un operazione sbagliata in quanto la riduzione dei pixel input è un operazione irreversibile che fa perdere qualità all’immagine senza possibilità di poter tornare indietro infatti non basta semplicemente aumentare il numero di pixel o il valore della risoluzione per migliorare la qualità di una foto.
Anzi se noi abbiamo ad esempio una foto scaricata dal web a 72 dpi e la apriamo con Photoshop, nel pannello dimensiona immagini scriviamo in risoluzione 300 dpi, la dimensione dell’immagine e i suoi pixel aumenterà , ma non migliorerà affatto la qualità dell’immagine, anzi tenderà a peggiorare perche Photoshop attraverso un operazione detta di ricampionamento tenderà ad aggiungere dei pixel all’immagine

Sotto ricampiona immagine troviamo il metodo con cui fa il ricampionamento dell’immagine, dalle ultime versione del programma accanto al nome degli algoritmi è stato introdotto tra parentesi una serie di consigli sul funzionamento di ciascun algoritmo per rendere più semplice la scelta.
Le soluzioni migliori sono bicubica più morbida se stiamo facendo un ingrandimento e bicubica più nitida se stiamo facendo una riduzione.
Comunque come dicevo è comunque un operazione da non fare solitamente in quanto il risultato non è dei migliori, a meno che l’ingrandimento non arriva massimo al 10% della dimensione dell’immagine
Ci sono dei programmi appositi che con complicati algoritmi cercano di migliorare la qualità di un immagine, ma non sarà mai un risultato ottimale come quello di un immagine originariamente di buona qualità, quindi mai ridurre la qualità di un immagine ma lavorare sempre su una copia se siamo costretti a portare ad esempio la risoluzione della nostra immagine da 300 dpi a 72 dpi per immagini da usare per il web.
Per evitare di ridurre la risoluzione dell’ immagine di input possiamo togliere il segno di spunta RICAMPIONA IMMAGINE

Così facendo possiamo notare che le dimensioni di input diventano immodificabili ed è possibile variare solo le dimensioni di output cioè di stampa

Ti è piaciuto l’articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>