14 aprile 2012

Iniziare a lavorare con revit parte seconda

Solitamente per iniziare a lavorare con revit ci sono due modi:
1. Partire da una planimetria dwg autocad
2. Partire da un foglio vuoto ed iniziare a disegnare la nostra planimetria
Vediamo il primo punto
INSERIRE UNA PLANIMETRIA DWG AUTOCAD IN REVITclip_image001
Dalla scheda INSERISCI di revit scagliamo IMPORTA CAD
clip_image002
nella scheda di importazione scegliamo il file ed impostiamo alcune semplici opzioni
colori inverti, possiamo invertire la schermata di revit a sfondo nero o bianca come ci fa più comodo
layer, scegliamo quali layer di autocad vogliamo o non importare
unità di misura, fissiamo l’unità di misura del disegno autocad
posizionamento, decidiamo dove inserire nel foglio di revit il disegno autocad (interessante se dobbiamo inserire il dwg rispettando le coordinate da autocad)
posiziona in corrispondenza di, decidiamo in quale piano di revit vogliamo posizionare il file dwg
Una volta settato tutto click su APRI
Dopo l’importazione notiamo che il dwg è raggruppato in un blocco
clip_image003
nel caso in cui volessimo separarlo per apportare delle modifiche ci basta selezionarlo e dalla barra in alto scegliere esplodi
clip_image004
Importare un file dwg offre la comodità che per disegnare possiamo non inserire le misure, ma ricalcare semplicemente il disegno
Per iniziare a lavorare scegliamo lo strumento muro dalla scheda inizio
clip_image005
cliccando sul muro la scheda delle proprietà si aggiorna subito con i vari tipi di muro contenuti nel programma
clip_image006
cliccando su “muro di base generico 30”
vediamo i muri caricati in revit di default, nel caso non ci sia il muro con le nostre caratteristiche dobbiamo crearne uno nuovo
clip_image007
questi i muri generici caricati nel programma
Scegliamo generico 30 cm ed iniziamo a ricalcare i muri perimetrali della casa
Le impostazioni più importanti del muro sono contenute nella fascia appena sotto le schedeclip_image008
dove impostiamo l’altezza del muro e la linea di ubicazione
come altezza del muro dobbiamo lasciare l’altezza del piano per sfruttare a pieno le potenzialità di un programma BIM, in questo modo il nostro progetto diventa parametrico, ovvero cambiando l’altezza del piano cambia anche l’altezza del muro.
Come linea di ubicazione diamo la superfice di finitura interna o esterna a secondo che vogliamo ricalcare la pianta dall’interno o dall’ esterno
clip_image009
ricalcata la pianta possiamo subito vedere in 3D i risultati, cliccando su tasto in alto VISTA 3D DI DEFAULT
clip_image010
Ecco il nostro 3d,clip_image011 possiamo cambiare facilmente lo stile di visualizzazione dal pulsante in basso
clip_image012
tra le viste
wireframe
clip_image013
linee nascoste
clip_image014
ombreggiato
clip_image015
colori omogenei
clip_image016
realistico
clip_image017
Ti è piaciuto l'articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED

Se trovi interessante questo blog puoi sottoscriverne i feed o diventare fan su Facebook

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

AddThis