L’ utilità di un dissipatore per processore

image
Alcuni giorni fa un amica mi chiama per dirmi che il suo pc non si accende più, dopo aver provato inutilmente la accompagno da un tecnico che aprendo il case trova il processore bruciato e con esso anche parte della scheda madre, la causa probabilmente la ventola del dissipatore ha smesso di funzionare per qualche minuto ed il processore ha raggiunto temperature altissime fino a fondersi.
Stranamente io non sono esperto di hardware ma ho sempre saputo che sui pc esiste una sorta di blocco, quando il processore raggiunge certe temperature per evitare appunto che fonda, il pc si blocca.
Comunque in questo caso nn ha funzionato e in più mi ha messo la pulce nell’orecchio riguardo alle temperature raggiunte del mio processore.
Chi lavora nel campo della grafica 3d,sa che la fase di può durare anche delle ore e in questa fase il processore è sotto sforzo massimo raggiungendo temperature limite.
Facendo delle ricerche in rete ho trovato un simpatico programmino coretemp che monitorizza la temperatura dei processori in ogni istante
image

il programma lo trovate qui
 http://www.alcpu.com/CoreTemp/

è molto comodo averlo in esecuzione automatica ad ogni avvio di windows accanto all’ orologio per capire a che temperature arriva sotto sforzo.

Solitamente quando acquistiamo un processore nuovo esce di serie un dissipatore diciamo di serie che definirlo pessimo è poco, solitamente chi usa il pc per attività che sforzano poco il processore nemmeno se ne accorgono, ma chi lavora nel mio campo e tiene il processore impegnato per ore dovrebbe tener conto di questo problema.

Normalmente la temperatura di un processore ben raffreddato dovrebbe aggirarsi tra i 30 gradi quando non è aperto nessun programma e non dovrebbe superare i 70 gradi sotto sforzo, è vero che i processori sono nati per resistere a temperature molto più grandi pero questo li usura accorciandone la vita.
Vi accorgerete che monitorando la temperatura con il dissipatore di serie questo supera tranquillamente gli 80 e anche i 90 gradi sotto sforzo cosa da no fare assolutamente.

La soluzione al problema è quello di acquistare un dissipatore nuovo e gia che ci troviamo sostituire la pasta del processore con una qualitativamente superiore e cambiarla ogni 2 o 3 anni
Riguardo la marca del dissipatore nn so perche non sono un esperto di hardware, quel poco che so l ho letto in giro su forum vari italiani e non.

Ti è piaciuto l’articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>