Introduzione a cinema 4D r11.5 parte 3

Come gia accennato in precedenza nel pannello degli oggetti 3d possiamo creare velocemente delle geometrie base dalle quali iniziare i nostri lavori
clip_image002[5]

scegliamo ad esempio un cubo ed inseriamolo nella scena
Innanzitutto impariamo a selezionare un oggetto, la selezione è alla base di qualunque operazione di modifica su un oggetto
clip_image004[4]
Nel pannello in alto troviamo vari metodi di selezione circolare, quadrato, forme libere curve, forme libere poligonali, un altro modo molto semplice per selezionare un oggetto è quello si selezionare l’oggetto dal pannello a destra che elenca tutti gli oggetti presenti nella scena, basta cliccare sul nome cubo e l’oggetto si seleziona
clip_image006[5]
Vediamo ora le funzioni MUOVI SCALA RUOTA, i tasti li troviamo nella barra in alto subito dopo il tasto di selezione
clip_image008[4]
Selezionato un oggetto clicchiamo sul tasto muovi, appaiono due assi colorati di rosso e blu al centro dell’oggetto (che diventano 3 nella finestra 3d) avvicinandoci a questi assi notiamo che diventano di colore giallo quando ci passiamo sopra, in quel momento possiamo effettuare uno spostamento lungo quell’asse
clip_image010[4]
Possiamo effettuare manualmente lo spostamento leggendo nel quadrante al centro la misura dello spostamento, oppure possiamo impostare numericamente gli spostamenti
clip_image011[4]
Allo stesso modo possiamo impostare la scala e la rotazione, sempre attorno uno degli assi x y z
Inoltre scegliendo tra oggetto ed assoluto nelle preferenze sotto possiamo decidere se fare spostamenti assoluti rispetto allo zero impostato dal programma, oppure impostare spostamenti relativi a partire da uno zero contenuto al centro dell’oggetto
clip_image013[4]
Per impostare numericamente uno spostamento basta semplicemente scrivere in basso il valore dello spostamento nella casella relativa all’ asse e dare l’invio
clip_image015[4]
Nello stesso identico modo funzionano le operazioni di scala e di rotazione
Ritorniamo per un attimo alle funzioni
ORBITA E ZOOM come accennato in una delle parti precedenti era possibile attivare questi comandi utilizzando i tasti sopra ogni finestra, in realtà esistono anche delle utili scorciatoie da tastiera che ci facilitano di molto la vita
clip_image017[4]
ALT + CLICK ci consente di orbitare il modello attorno ad un punto della scena in cui clicchiamo
1 + CLICK ci consente di zoom mare avanti e dietro il nostro modello
Dalle ultime versioni di cinema 4d è stato introdotto l’uso dei livelli che come in ogni programma di grafica 2d o 3d consentono di mantenere più ordinato l’intero progetto, il pannello di settaggio dei livelli è richiamabile dal pannello degli oggetti
clip_image019[4]
Cliccando sul primo cerchi subito dopo il nome dell’oggetto “cubo” ci appare un menu contestuale, apriamo il browser livelli e diamogli un occhiata
clip_image021[4]
In questo pannello scegliamo file – nuovo livello con il quale creiamo un nuovo livello
clip_image023[4]
Cliccando sul nome livello possiamo rinominarlo a nostro piacimento
I due pallini piccoli subito dopo quello grande, ribattezzati semafori consentono di rendere visibile/invisibile l’ oggetto
all’interno della viewport il pallino superiore
all’interno del il pallino superiore
clip_image025[4]
clip_image026[6]
Basta semplicemente cliccare sui pallini per accenderli o spegnerli
clip_image028[4]
Cliccando su di essi varie volte possiamo vedere che assumono vari colori grigio, verde, rosso per spiegare il significato di questi colori è necessario spiegare un concetto molto importante in cinema 4d ovvero quello della GERARCHIA PADRE FIGLIO
Per raggruppare assieme più oggetti in cinema 4d è necessario creare una gerarchia, esistono due tipi di gerarchie,
1 ) quella in cui un oggetto è l’oggetto padre ed altri oggetti sono oggetti figli, partendo da 4 oggetti nella scena, per creare una gerarchia dove il cubo è il padre e gli altri oggetti sono i figli basta semplicemente dal pannello degli oggetti trascinare gli oggetti figli sull’oggetto padre
clip_image030[4]
clip_image032[4]
Cubo oggetto padre
Sfera toroide cono oggetti figli
2) l’oggetto padre è un oggetto nullo e gli oggetti figli sono le geometrie della nostra scena
Innanzitutto creiamo un oggetto nullo
clip_image034[4]
clip_image036[4]
Oggetto nullo padre
Cono toroide sfera cubo oggetti figli
La gerarchia padre figlio in cinema 4d serve a gestire molti aspetti sia della modellazione avanzata, ma anche dei materiali, infatti se ad un materiale padre assegniamo un materiale, tutti gli oggetti figli avranno lo stesso materiale, a meno che non ne abbiamo gia assegnato uno precedentemente al figlio che in questo modo non sarà influenzato da materiale dell’oggetto padre
Una volta descritto sommariamente il concetto padre figlio in cinema 4d
clip_image026[7]clip_image037[4]
sperando di non fare troppa confusione ritorniamo un attimo ai nostri semafori eravamo rimasti al semaforo grigio verde e rosso e al significato dei vari colori
verde vuol dire che quell’oggetto è visibile anche se il padre è invisibile
rosso vuol dire nascosto anche se il padre è visibile
grigio vuol dire che sarà visibile o invisibile come il padre

Ti è piaciuto l’articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED

Introduzione a cinema 4D r11.5 parte 2

Continuo con l’esplorazione di cinema 4d in particolarmodo continuo con l’esplorazione dell’interfaccia del programma
clip_image002
Al di sopra di ogni finestra possiamo trovare dei menu
Modifica – camere – mostra filtro – vista

clip_image004
Con camera possiamo decidere la finestra quale tipo di vista deve visualizzare, troviamo più o meno tutte le viste bidimensionali che tridimensionali.
Nel menu camere di scena ci sarà l’elenco di tutte le telecamere presenti nella scena, proviamo ad inserire una telecamera
clip_image006
Nel pannello in alto dove troviamo le luci, troviamo anche l’oggetto telecamera, posizioniamolo nella scena
clip_image008
Una volta inserita la telecamera la troviamo anche nell’elenco delle camere di scena
clip_image010
Nel sotto menu mostra troviamo le impostazioni per il tipo di vista della finestra, cioè se deve essere a filo di ferro, trasparente, solo scheletro, ci sono poi vari modi per vedere il modello pieno ombreggiato o meno con o senza texture applicate
clip_image012
Interessante la possibilità di impostare un livello di dettaglio della vista basso medio e alto, molto utile per scene pesanti e computer poco potenti
clip_image014
Con il menu filtro invece possiamo filtrare cosa vedere o non nella finestra, per nascondere una tipologia di oggetto basta semplicemente togliere il segno di spunta
clip_image016
Il sotto menù viste permette di ingrandire una delle viste a tutto schermo oppure tornare alla visualizzazione a 4 viste, con i tasti F1 F2 F3 F4 possiamo velocemente ingrandire una delle viste che ci serve
…continua

Ti è piaciuto l’articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED

Introduzione a Cinema 4D r11.5 parte 1

Il mese scorso ho completato un lavoro con alcuni colleghi che usano cinema 4d, ho avuto modo di vederli all’opera e sono rimasto colpito dalla pulizia e dalla intuitività di questo bellissimo programma, io per lavoro uso 3d studio max con cui mi trovo benissimo e siccome come ho sempre fatto, non imparo mai un programma perche mi serve,  ma solo perchè mi diverto 🙂 , ho deciso di dargli un occhiata e scriverò in vari step  le cose che imparo e che mi colpiscono, ovviamente è la prima volta che apro cinema 4D, quindi mi scuso per eventuali inesattezze, si tratta di un per principianti come me 🙂
clip_image002

All’apertura il programma è diviso in 4 finestre alla 3d studio
clip_image003
Nella parte superiore delle 4 finestre troviamo 4 tasti che servono rispettivamente a
· Spostare la scena (pan)
· Zommare avanti e dietro
· Orbitare la scena
· Rendere a tutto schermo la finestra corrente
clip_image005
Nel pannello in alto troviamo le geometrie elementari che possiamo creare cubo sfera ecc.
Solitamente qualsiasi oggetto vogliamo creare parte sempre da una forma base elementare che man mano viene dettagliata sempre più.
Proviamo ad esempio a creare un cubo, clicchiamo sul cubo e trasciniamolo nella scena
clip_image007
Automaticamente il cubo viene aggiunto nella scena, notiamo che sui pannelli di destra sono apparsi delle nuove info
clip_image008
Nel pannello in alto si è aggiunta la voce cubo, in questo pannello appare l’elenco di tutti gli oggetti che vengono inseriti nella scena
clip_image010
Cliccandoci due volte sopra possiamo rinominare gli oggetti dandogli un nome più significativo che ci permetterà di riconoscerlo nella scena
Con la V verde sulla destra possiamo nascondere l’oggetto
clip_image012
Nel pannello in basso sempre sulla destra troviamo le proprietà dell’oggetto
clip_image014
Andiamo su oggetto che mi sembra la proprietà più interessante
clip_image016
Dove troviamo le dimensioni dell’oggetto che ovviamente possiamo modificare ed il numero di segmenti che compongono l’oggetto, proviamo a modificare qualcosa
clip_image018
Ho abbassato la dimensione sull’asse y a 50 cm ed ho aumentato il numero di segmenti sull’asse x e sull’asse z a 5
Volendo posso anche inserire una smussatura, spuntando la voce più in basso
clip_image020
Ed in basso posso decidere le dimensioni della smussatura e la sua suddivisione ovvero la complessità della curva
clip_image022
Nel sottopannello coordinate posso impostare nei tre sotto campi rispettivamente
P posizione (la posizione dell’oggetto lungo gli assi)
S scala (la scala di dimensionamento dell’oggetto sempre lungo i tre assi)
R rotazione (la rotazione dell’oggetto sempre lungo i tre assi)
Provo a variare qualcosa
clip_image024
clip_image026
Nel sottopannello base possiamo impostare i nomi degli oggetti, possiamo creare dei livelli per mantenere più ordinato il progetto, possiamo decidere se l’oggetto deve essere visibile nella scena, se deve essere visibile nel, se deve avere un colore, se deve essere ombreggiato.
Per ora mi fermo qui alla prossima sempre con cinema 4d

Ti è piaciuto l’articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...