Convenzioni spessore linee in una pianta architettonica con autocad

In una pianta architettonica con autocad è fondamentale impostare correttamente gli spessori  vediamo come fare.

Una pianta architettonica non è altro che una sezione orizzontale di un edificio fatta a circa 1,10 m
solitamente in una pianta architettonica appaiono fondamentalmente 3 tipi di linee, possono essere anche di piu a secondo della tipologia del disegno ma queste sono le piu importanti

1. le linee sezionate: ovvero le linee che vengono tagliate dal piano di sezione
2. le linee in proiezione
3. le linee in proiezione dall’alto
Per rendere agevole e soprattutto internazionale la lettura di un disegno architettonico ci sono delle norme internazionali e nazionali che regolamentano il disegno tecnico architettonico
Tra le tante convenzione adottate è fondamentale adottare degli spessori adeguati per riconoscere questi tipi di linee

pianta architettonica con autocad 01

pianta architettonica con autocad 02

1. le linee sezionate: ovvero le linee che vengono tagliate dal piano di sezione
solitamente si tratta di muri
linee continue spessore 0.3 o 0.4
2. le linee in proiezione
sono tutte le linee più basse di 1.10 m quindi gradini bassi, elementi di arredo, davanzali delle finestre ecc
pianta architettonica con autocad 03













linee continue sottili  spessore 0.09 o 0.13
3. le linee in proiezione dall’alto
sono linee che individuano oggetti che sono sopra la misura di 1.10 m, che normalmente non si dovrebbero vedere, ma per rendere la lettura del disegno più comprensibile o per evidenziare elementi importanti nel disegno vengono ugualmente rappresentate, ma per evitare confusione con le linee sottostanti vengono rappresentate come linee tratteggiate

linee tratteggiate continue spessore 0.09 o 0.13
lo spessore delle linee solitamente inviene dato attraverso gli spessori abbinati ai layer, ci sono moltissime persone che invece utilizzano dei file ctb per la stampa, con cui abbinano determinati spessori a colori il tutto salvato in un file detto ctb , ma questo metodo lo trovo un po antiquato e più scomodo rispetto agli spessori dati ai layer
inci basta aprire il gestore dei layer
pianta architettonica con autocad 04
con il tasto nuovo layer creiamo 3 layer che chiamiamo
linee sez
linee proiet
linee proiet_alte
possiamo anche usare nomi diversi da questi l’importante è che vi capiate
pianta architettonica con autocad 05
per quanto riguarda i colori diamo dei colori che ci permettono di distinguere facilmente i tipi di linea
e nello spessore linea diamo gli spessori che abbiamo indicati sopra
pianta architettonica 06
questi sono i colori che uso io ma sono indicativi, nel momento in cui stamperemo attiveremo la modalità monocromatica per rendere bianco e nero tutti i colori se si tratta di un disegno da consegnare ad un comune, se si tratta di disegni privati o da mostrare ad un cliente possiamo anche lasciare il colore
l’ultima cosa da fare è dare la linea tratteggiata alle linee proiet_alto
clicchiamo su tipo di linea, scegliamo carica e accediamo alle linee caricate indi default
pianta architettonica 07
impostiamo una linea tratteggiata
pianta architettonica 08

Ti è piaciuto l’articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED

Scala metrica nel disegno tecnico a cosa serve e come si usa?

Normalmente accanto ad ogni disegno è indicata sempre la sua scala di disegno, ma a volte per motivi di impaginazione, o per errori di stampa o altro, i disegni vengono messi fuori scala.
Solitamente se si tratta di un disegno architettonico si cerca sempre di mettere il disegno in scala rispetto ad una misura che solitamente dovrebbe essere standard, un gradino una porta o altro, ma si tratta sempre di un metodo non certo. Continue reading

Scale grafiche del disegno tecnico e le loro applicazioni

La scala grafica di un disegno indica il rapporto tra le dimensioni reali di un oggetto e quelle dello stesso oggetto disegnato.
Se si tratta di disegnare un oggetto piccolo meccanico o altro è possibile anche disegnarlo in scala 1 a 1 ovvero nelle sue dimensioni reali, ma quando si tratta di oggetti più grandi tipo automobili, arredi edifici ecc è impossibile rappresentarli in scala reale, occorre quindi ridurli
Le principali scale di riduzione sono:
1:1000 Planimetrie d’inquadramento e piante catastali
1:500 Centri urbani o porzioni di esso in pianta e profili o sezioni stradali
1:200 Piante d’insieme di edifici e profili o sezioni di porzioni stradali
1:100 Piante, prospetti, sezioni di edifici o di gruppi di edifici
1:50 Piante e sezioni di singoli edifici
1:20 Porzioni di piante, prospetti e sezioni di singoli edifici
1:10 Dettagli architettonici, particolari, decorazioni
1:5 Dettagli architettonici, particolari, decorazioni



–>


le scale di ingrandimento sono quelle in cui l’oggetto disegnato è più grande dell’oggetto reale, solitamente viene utilizzato per particolari costruttivi o particolari di pezzi meccanici.
Solitamente più la scala di un disegno è piccola e maggiori saranno i particolari che di quell’oggetto si vedranno, infatti per rappresentare uno stesso oggetto in varie scale non vuol dire farlo semplicemente più grande, ma il numero di dettagli deve aumentare, è infatti quello il motivo per cui si decide di rappresentare un oggetto in una scala più piccola, appunto per vedere particolari che altrimenti non riusciremmo a visualizzare in scale più grandi
Facciamo un esempio restando in campo architettonico però il concetto è lo stesso in qualunque settore del disegno tecnico
prendiamo ad esempio una porta di un appartamento, il numero di dettagli cambia a secondo se il disegno venga stampato in scala 1:200 1:100 o 1:50
nel caso il disegno venga stampato in scala 1:50, solitamente quello che intendiamo come disegno esecutivo la porta appare con tutti i dettagli
image
il disegno in questione è un blocco scaricato da www.archweb.it  secondo me il miglior sito italiano di blocchi dwg gratuiti in ambito architettonico
in questo disegno come dicevo ci sono tantissimi dettagli legate al telaio e alla struttura della porta, un disegno del genere non si potrebbe mai stampare in scala 1:100 o 1:200 in quanto le linee troppo vicine si fonderebbero creando un unica macchia di colore.
solitamente in scala 1:100 e 1:200 il disegno viene esemplificato in questo modo
image

Ti è piaciuto l’articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...