Autodesk Impression 3 : le mie impressioni ;-)

Ho scaricato il demo di

Autodesk Impression 3

dal sito autodesk, per chi non lo conoscesse impression è un programma che serve a colorare in stile disegno a mano libera o acquerello le tavole tecniche create con autocad.


Solitamente chi partecipa a concorsi di architettura utilizza programmi comeo illustrator che addirittura apre i dwg conservando livelli e spessori di linea, ma si tratta di programmi professionali, che per chi sa come usarli può ottenere praticamente qualsiasi effetto, impression mi ha dato invece subito l’idea di un programma molto semplice, alla piranesi per chi conosce quasto storico programma di illustrazione pittorica.
ho creato un semplice disegno inche vado ad importare con impression

Da impression il menu file – open riesce
A leggere molti formati di file tra cui dwg dxf ovviamente i psd di Photoshop i png di microstation oltre ai classici formati di immagine tif jpeg bmp
All’apertura del dwg una finestra ci accompagna alle impostazioni dell’importazione chiedendoci innanzitutto le dimensioni e l’orientamento del foglio

Si prosegue poi con le impostazioni delle penne darelativamente ai colori e agli spessori

Nel pannello stroke
Type impostiamo uno stile per il tratto del nostro disegno, infatti essendo impression un programma per simulare un disegno artistico esistono molti stili di disegno reimpostati che è anche possibile editare per variarne ogni caratteristica rendendo grandissima la scelta.
Anche se impostiamo qui una scelta di stile una volta entrati nel programma è possibile cambiare lo stile di visualizzazione attraverso un pannello apposito, anche se una cosa strana che notavo mentre nel pannello wizard che si apre al momento dell’impostazione è possibile scegliere tra più di 20 stili come vediamo qua sotto, una volta entrati nel programma nel pannello per variare lo stile ce ne sono si è no una decina

Nel pannello successivo ci viene chiesta la scala di importazione che impostiamo in metri se indisegniamo in metri, gli altri settaggi li tralascio per ora perche non fondamentali
Una volta importato il disegno ci appare con il tratto che abbiamo impostato dalla finestra wizard nel mio caso il blue maker stroke

Nel pannello di destra selected style possiamo variare il tipo di stile se ci accorgiamo che quello scelto non corrispondeva ai nostri gusti, ma come dicevo sopra gli stili qui sono appena una decina, mentre nel pannello iniziale erano molti di più, sinceramente non capisco perché devo fare delle ulteriori prove, del resto è la prima volta che uso questo programma.

È possibile scegliere vari tipi di tratti e come dicevo sono totalmente personalizzabili

Ognuno degli stili ha un elenco a scaletta che ricorda molto Photoshop degli effetti applicati, in questo caso lo stile pencil wiggle è dato dall’effetto stoke che crea un tratto regolare con linee che si prolungano negli angoli piu l’effetto roughen che rende il tratto irregolare per simulare il disegno a mano.
Cliccando sulla lampadina posso disattivare momentaneamente un effetto

Vediamo un esempio dell’ effetto rougher attivato e disattivato
Cliccando poi sulla freccia che si trova alla destra dello stile posso impostarne le proprietà personalizzando uno stile preesistente a mio piacimento e posso salvare i cambiamenti creando un mio stile personalizzato con “save style element”

Ad esempio abbasso i valori di height e frequency per ottenere un tratto più regolare

I tasti in alto sono molto semplici da capire

Con i primi due seleziono gli oggetti
Cliccando una volta si seleziona l’intero disegno come se fosse raggruppato in un unico blocco, ma cliccando due volte rapidamente si possono selezionare le singole linee modificandone ogni singola caratteristica

Con questi altri tasti posso disegnare linee curve, linee rette, rettangoli, cerchi, ovali, poligoni

Ognuno dei tasti è personalizzabile cliccando sulla freccia che si trova sotto il pulsante

I tasti che seguono sono forse i più usati in quanto servono appunto a colorare

Il primo esegue una colorazione piu grossolana per aree, è possibile impostare la tolleranza e la precisione nel riconoscimento delle aree
Premendo invece i tasti H N W J possiamo impostare l’area da colorare posizionandoci in un area chiusa, tracciando delle linee di riferimento,definendo una finestre oppure tracciando una linea a mano libera

Il secondo pannello di colorazione invece esegue una colorazione più selettiva in base a paramentri che possono essere le forme nel disegno, i layer, i colori delle linee, lo spessore delle linee. Come per l’altro comando è possibile impostare tolleranza e precisione della colorazione
Ovviamente prima di iniziare a colorare dobbiamo decidere lo stile della colorazione, impression ci da di default tantissimi stili di colorazione, possiamo crearne di nuovi oppure importarli dal web

Dal pannello Styles scegliamo tra i tantissimi stili a disposizione, posso anche utilizzare delle texture di materiali reali

Il riconoscimento delle aree avviene con grande facilità ed è davvero divertente

Da notare che mentre disegniamo il pannello layer crea automaticamente un layer per ogni rempimento che creo in questo modo ho la possibilità in qualunque momento di eliminare un riempimento che ho sbagliato oppure che voglio momentaneamente nascondere

Con lo strumento testo posso facilmente inserire del testo nel mio disegno

Con impression possiamo inserire anche oggetti come alberi persone automobili ecc
Prima di tutto facciamo comparire la palettes blocks

Qui possiamo trovare moltissimo oggetti come alberi persone auto sfondi, è possibile anche caricare altri oggetti scaricati dalla rete

Per inserire un blocco basta semplicemente trascinarlo nel disegno, per modificarne le dimensioni cliccandoci sopra escono delle comode maniglie con cui stirarlo in ogni direzione
Il bello di questo programma è che ogni singola funzione è personalizzabile fin nei minimi dettagli rendendolo secondo me un programma molto professionale e allo stesso tempo semplice e divertente da usare.
Voi cosa ne pensate? Qualcuno lo utilizza già per i propri lavori?
A questo indirizzo trovate la versione demo 30 giorni se vi ha incuriosito
AUTODESK IMPRESSION TRIAL
A questo indirizzo trovate un bel video dimostrativo delle potenzialità del programma
VIDEO AUTODESK IMPRESSION

Ti è piaciuto l’articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...