Corona render tutorial interno base 01

Corona render è un nuovo motore render ancora in versione prova quindi gratuitamente scaricabile, che sembra guardando le immagini pubblicate in giro molto interessante e nemmeno complicatissimo da usare, ho deciso di fare un piccolo test/tutorial base per provarne le potenzialità.
Il motore lo trovate nel forum ufficiale https://corona-renderer.com/forum/ dopo la registrazione potete scaricarlo
Sono partito da una scena arredata scaricata dal web che cercherò di illuminare con corona render
image
innanzitutto lo imposto come motore di render
image
dall’editor materiali creo un materiale generico grigio chiaro per corona render
coronamtl
image
adesso applico a tutta la scena questo materiale attraverso l’overide material, se nella vostra scena avete dei vetri alle finestre, nascondeteli in un layer spento oppure escludete l’applicazione dell override material al vetro altrimenti la luce non entrerà nella stanza
trascino la sferetta del materiale creato nella casella
mtl override che trovate nel pannello di settaggio render di corona come in figura sotto
image
Prima di lanciare il primo render che sarebbe completamente buio senza luci inserisco il sole di corona
Lo trovate tra le luci si chiama corona sun
image
inserito il sole selezioniamolo e dal pannello modifica, variamo angolo e rotazione in modo da farlo puntare verso le nostre finestre
image
senza apportare nessuna modifica al pannello render lanciamo un primo render ed iniziamo a vedere gia qualcosa
image
image

una cosa che mi è piaciuta subito di questo motore è che mentre lavora al render posso giocare con i parametri e vedere in tempo reale le modifiche nella scena
Apriamo il render setup senza fermare il render andiamo in exposure and color mapping
attiviamo use photographic exposure
image
giocando con highlight, contrast e white balance possiamo correggere bruciature nella scena, bilanciamento del bianco e contrasto vedendo immediatamente i risultati nel render ancora in corso
image
image
image
image
come per la maggior parte dei motori di render possiamo avvalerci di telecamera che funziona come una reflex e ci permette di variare la luminosità della scena giocando con i vari fstop, iso shutter speed ecc
Ci sono 2 modi per attivare la telecamera reflex
1. Dal pannello di settaggio render da global camera setting
image
però forse non conviene usare questo pannello perche le modifiche riguardano tutte le camere nella scena, se abbiamo una sola camera potrebbe andare ma se ne abbiamo piu di una e vogliamo settare le telecamere indipendentemente una dall’altra ci conviene settare sulle singole camere i vari valori.
Per fare ciò basta spuntare override scene camera…..
in questo modo si disabilita questo pannello ed entrano in gioco i settaggi fatti sulle singole telecamere, vediamo come
image
andiamo nella telecamera da settare, e nell’elenco dei modificatori scegliamo
coronacammod
image
accediamo ai settaggi della telecamera
image
Con corona render possiamo anche impostare un enviroment
dal pannello relativo attiviamo use corona e clicchiamo sul tasto a destraimage
image
possiamo scegliere se caricare il coronasky, ovvero il cielo di corona,oppure scegliendo bitmap possiamo caricare un immagine hdri
per ora carico il cielo di corona per testarne il funzionamento
image
image
per oggi mi fermo qui, nel prossimo tutorial testerò qualche materiale

Ti è piaciuto l’articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED

grafica2d3d-Corsi di formazione e Modellazione 3D
Realizziamo modelli 3D e Render nel settore architettonico e meccanico
ci occupiamo di formazione con corsi privati e presso centri di formazione accreditati
CORSI RENDER
vray in 3ds max, vray in sketchup, vray in rhino
CORSI MODELLAZIONE
autocad, rhinoceros, archicad, revit, 3d studio, sketchup
CORSI CAD e GRAFICA 2d
photoshop per l'architettura
CORSI CAD CAM
catia v5, solidworks

per ulteriori info visita la pagina FORMAZIONE oppure contattaci dalla pagina CONTATTI

2 pensieri su “Corona render tutorial interno base 01

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *