Costruire un lampione con archicad e archiforma 2


In questo piccolo tutorial vedremo come modellare con archiforma 2 un lampione stradale, io sono

partito da un prospetto fatto in autocad del lampione, ma avrei potuto benissimo farne a meno e

disegnarlo direttamente in archicad

Salvato il disegno dwg lo importo in archicad

Dal menu design extradesign archiforma2 apri palette archiforma ho aperto la barra degli

stumenti di archiforma.

Partendo dal palo lo divido a met con una linea e con la bacchetta magica vado a riempire con un

retino la parte sinistra del palo.

Con il retino selezionato attivo il tasto REVOLVE, nel pannello lascio invariato il valore

A: 360 (in questo modo la rivoluzione avviene a 360 gradi)

R: 0 (in questo modo non creo nessuno spazio vuoto al centro, scelgo il materiale e l altezza da terra

e do OK

Dopo di che traccio l asse di specchiatura e il palo viene creato

Creo un retino nel braccio della lampada, lo seleziono e con estrude lo estrudo di 3 cm

Il pezzo appare steso a terra, lo seleziono e con il comando ruota dopo aver dato il lato di rotazione

e l angolo di 90 gradi lo dispongo in posizione verticale

Con il comando sposta dalla pianta allineo i due pezzi

Come sempre riepio con un retino la meta del lampione e con REVOLVE do l asse di rivoluzione

Selezionando l oggetto e tornando nell opzione revolve posso rieditare le caratteristiche della

rivoluzione imposto il valore di R=0

Ottenedo la forma corretta

Sempre con sposta ed eleva posiziono la lampada in posizione

Con l oggetto sfera creo la lampadina

Specchio il braccio dall altra parte ottenendo la doppia illuminazione e posiziono un’altra sfera sulla

sommita del palo per completare il disegno

Ti è piaciuto l’articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED

TUTORIAL Archimaterial plugin gestione materiali archicad

Pur utilizzando molto spesso archicad e preferendolo per immediatezza ad altri

programmi che conosco, devo ammettere che ha alcune lacune che inspiegabilmente

non vengono mai corrette in nessuna delle nuove versioni, per questo motivo molte

società esterne hanno sviluppato dei plugin esterni che sopperiscono a queste carenze.

Il plugin che vorrei mostrare oggi archi material che serve a migliorare la gestione dei

materiali in archicad che secondo me molto carente.

I difetti principali della gestione dei materiali di archicad sono:

  • l impossibilità di visualizzare in anteprima i materiali in modo da visualizzare

velocemente quello che ci serve

  • per applicare un materiale ad un componente archicad dobbiamo

necessariamente aprire il pannello di settaggio del componente che ci interessa

  • a meno che non estendiamo al massimo la barra delle informazioni con perdita

di spazio sullo schermo

  • l impossibilita di ritagliare o raddrizzare un immagine senza ricorrere a programmi

di fotoritocco esterni

Il plugin archi material riesce a sopperire a queste carenze permettendo una gestione

dei materiali simile a quella di atlantis permette cioè di visualizzare

in anteprima tutti i materiali e di applicarli semplicemente trascinandoli, consente inoltre

di raddrizzare e ritagliare un immagine oltre ad applicare altri effetti.

Dopo aver installato il plugin copiando il file apx nella cartella addons di archicad e la

cartella .lib tra le librerie di archicad possiamo aprire i programma

In DESIGN EXTRADESIGN ARCHIMATERIAL

Apriamo la palette archimaterial


Premendo sul primo tasto si aprono due pannelli nel primo visualizziamo un anteprima

Di tutti i materiali caricati nelle librerie attive di archicad, nel pannello bianco invece

Appaiono le info riguardanti gli oggetti che andiamo a selezionare

Ad esempio selezioniamo il tetto e vediamo che nel pannello appariranno le info

Se volessimo cambiare velocemente la texture del tetto ci basta individuare la texture

desiderata nel pannello di riepilogo delle texture e trascinarla nel pannello delle info

del singolo oggetto appena visto sopra

Vediamo la nuova texture applicata in un attimo

Se volessimo trasferire le propriet di un materiale ad un altro la cosa

altrettanto immediata,

selezioniamo in primo luogo l oggetto sorgente

clicchiamo sul pulsante con il contagocce e clicchiamo su un punto

notevole (spigolo) dell oggetto, clicchiamo sul pulsante con la siringa e

clicchiamo su un punto notevole (spigolo) dell oggetto che deve ricevere

il nuovo materiale

Con il quarto pulsante possiamo caricare una texture qualunque dal nostro pc con

APRI, creare in automatico un immagine bump spuntando la voce crea

l immagine e salvvandola nelle librerie attive di archicad

Con il quarto tasto possiamo aprire una texture

Con lo strumento poligono posso ritagliare e raddrizzare prospetticamente un immagine

salvandola poi tra le librerie attive di archicad

Ti è piaciuto l’articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED

Tutorial: archicad 11 importare una mazzetta di colori RAL

Vediamo come

archicad 11 importare una mazzetta di colori RAL

Facendo una ricerca su google ho trovato notizie su questi colori, praticamente sono staticreati dalla Deutsches Institut f r G tesicherung und Kennzeichnung negli anni 20′ percercare di regolamentare ed organizzare i colori in una sorta di catalogo comune.
Ad esempio adesso sto facendo un cancello che dovr essere verniciato con il colore ral 8007
a questo indirizzo possiamo trovare la mazzetta di colori ral LINK
Partendo da questo catalogo chiunque ha dimestichezza con photoshop pu facilmentecrearsi una cartella con i colori ral.

Quello che per vorrei mostrarvi qui la possibilit di importare in automatico l’interamazzetta di colori RAL nei materiali di archicad.Innanzi tutto accertiamoci di avere nella cartella addons di archicad la cartella Colori ral,nel caso non riusciamo a trovarla possiamo scaricarla da internet al sito della graphisoft
che troviamo qui sotto, scarichiamola copiamola nella cartella addons e avviamo archicad

http://www.graphisoft.com/support/archicad/downloads/goodies11/ITA.html

Fatto questo notiamo che nel menu opzioni troviamo la voce importa colori ral

Cliccandoci sopra il programma ci chiede di selezionare la cartella che contiene i colori enon diamo il percorso della cartella goodies colori ral come vediamo in figuraFatto questo si apre un pannello che ci permette di scegliere tra tutti i colori dellamazzetta ral, scegliamo quello che ci serve e cliccare su ok

Andando a cercare nei materiali disponibili troviamo i nostri colori ral caricati

Ti è piaciuto l’articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED

Tutorial: Creiamo un cancello con archicad e trussmaker

ciao a tutti in questo tutorial vedremo come realizzare in pochissimi passi un cancello con

trussmaker integrato in archicad 11

partiamo da un immagine di un cancello presa da google inseriamola nella scena e
mettiamola in scala con in comando edita modifica ridimensiona


Iniziamo a ricalcare il cancello servendoci di linee e archi, purtroppo non possiamo usarele spline in quanto non sarebbero riconosciute da trussmaker

Ecco il cancello, non ho prestato molta cura nel ricalcarlo perche non mi interessa fare un
lavoro perfetto qui ma solo mostrarvi come funziona il trussmaker, voi ovviamente
prendetevi tutto il tempo che volete per ricalcare il vostro cancello piu precisamente possibile
A questo punto ho dato un colore diverso a tutte le parti di cancello che dovevano
avere sezioni diverse.
Seleziono tutto il disegno e dal men DESIGN – EXTRADESIGN TRUSSMAKER
si apre il pannello che vedete sotto
Possiamo scegliere se creare una sezione rettangolare,circolare oppure a T e doppia T

Diamo gli spessori che ci interessano e pigiamo salva con nome
Salviamo l oggetto

Creiamo una copia speculare e guardiamo il risultato in 3d

Bello vero?!?
Ovviamente avrei potuto creare il cancello in autocad se non conosco bene il 2d di archicad
come linee ed importarlo in archicad seguendo la procedura sopra
Se volete quest oggetto archicad fatemi sapere che ve lo invio per email

Ti è piaciuto l’articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED

Reinterpretazione di Villa Bianca di Terragni , modello 3d e render con mentalray-

come avrete avuto modo di capire leggendo il mio blog, organizzo di tanto in tanto dei corsi cad, questo è un modello di villa Bianca di Terragni realizzato da una mia allieva :-), in alcuni piccolissimi dettagli è diverso dall’originale, per mancanza di info ulteriori sul progetto originale, è comunque ottimo per fare dei test per esterni,userò il motore mentalray 3.5 integrato in 3d studio max 9

ecco una foto della villa Bianca di Terragni

Ho deciso di continuare il post con un classico tutorial in pdf di prossima uscita

RENDER DI ESTERNI CON MENTALRAY 3.5

Ti è piaciuto l’articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED