Autocad 2010 : Lo strumento conversione layer

Autocad 2010 : Lo strumento conversione layer

Alcuni giorni fa mi è capitato di utilizzare una delle nuove funzioni di autocad 2010, ovvero lo strumento conversione layer.
Questo comando consente di importare uno o più layer da un disegno, all’interno del nostro disegno, questa funzione è abbastanza utile quando si lavora a distanza con altri studi che hanno impostazioni differenti dalle nostre, con questa funzione possiamo rapidamente impostare i nostri lucidi, con tutte le impostazioni di colore spessori e tipi di linea ad un disegno scelto come riferimento.
Vediamo come funziona

Partiamo da un disegno creato ad hoc per questo esempio, abbiamo tre layer, il layer 0, il layer dis1 a, il layer dis1 b
Autocad 2010 : Lo strumento conversione layer
Apriamo contemporaneamente il disegno base che contiene i layer giusti da importare nel nostro, osserviamo che abbiamo in questo disegno i layer 0, il layer 1,2,3 e il layer terreno.

Mettiamo che vogliamo importare il layer terreno con le sue impostazioni all’interno del nostro layer originale, ovviamente per apprezzare l’utilità di questo programma dovremmo fare l’operazione per tanti layer, comunque in questo tutorial mi interessa mostrare la funzione.
Autocad 2010 : Lo strumento conversione layer
Torniamo nel disegno che deve ricevere i layer e dal menu gestisci, andiamo in conversione layer
Autocad 2010 : Lo strumento conversione layer
Nel pannello che si apre troviamo nel campo a sin i layer contenuti nel nostro disegno,
Autocad 2010 : Lo strumento conversione layer
premiamo carica e selezioniamo il file dwg che contiene i layer da importare clip_image010
nel riquadro di destra appaiono i layer del nostro disegno base, selezioniamo qui i layer da importare, quindi il layer terreno e nella colonna a sinistra selezioniamo il layer che vogliamo eliminare per sostituirlo al nuovoclip_image012
con entrambi i layer selezionati premiamo il tasto mappaclip_image014
nel quadrante sotto ci appaiono le info dell’operazione che abbiamo impostato ovvero l’eliminazione del layer dis1b e la sua sostituzione con il layer terrenoclip_image016
clicchiamo su converti per confermare e aprendo il pannello dei layer del nostro disegno originale troviamo il layer terreno con tutte le sue impostazioni di penna spessore e colore
clip_image018

Autocad 2010 Lavorare con un file standard

Autocad 2010 Lavorare con un file standard

Quando si lavora a distanza con altri studi è necessario rispettare delle regole sugli standard dei disegni, sui nomi e gli stili associati a dei layer, sugli stili di testo,di quota, e sugli stili di linea
Uno stumento introdotto in autocad 2010, utile in questi casi è quello di creare uno standard di disegno contenente tutti i layer con spessori e colori , gli stili di testo di quota e di linea del nostro studio ed utilizzare la funzione automatica di verifica degli standard CAD che confronta i nostri disegni con quelli dello standard e individua immediatamente ogni variazione dallo standard e può anche eliminare gli elementi non conformi.

Una volta creato questo file standard possiamo inviarlo via email ai nostri collaboratori che una volta caricato in autocad li avvertirà in tempo reale ogni volta stanno usando uno stile non conforme allo standard dello studio
Vediamo come funziona questo comando

La prima cosa da fare è aprire un foglio bianco di autocad ed impostare un modello standard con i layer impostati secondo lo standard e cosi per stili di linea di testo e di quote
Autocad 2010 Lavorare con un file standard
Per brevità farò un esempio solo per i layer , ma lo stesso discorso vale anche per stili di linea quote, fatto questo salviamo il file come standard CAD da FILE – SALVA CON NOME scegliamo salva come standard
Autocad 2010 Lavorare con un file standard
A questo punto quando ci arrivano dei file da nostri collaboratori esterni, possiamo immediatamente verificare se nella creazione dei layer sono stati commessi errori nei nomi o nei colori o negli spessori di alcuni layer
Autocad 2010 Lavorare con un file standard
Una volta salvato lo standard disegno apro un disegno esterno creato ad esempio da un nostro collaboratore per controllare se è tutto conforme
In questo file ho creato due layer (layer 1 e 2 che non rispettano lo standard e un layer murature portanti che è identico a quello dello standard)
Per controllare il file in GESTISCI – CONFIGURA
Autocad 2010 Lavorare con un file standard
Premendo aggiungi file standard carico il file creato
clip_image010
clip_image012
Cliccando su ok carichiamo il file standard
Nella scheda PLUG-IN invece posso scegliere su quali elementi il file standard effettuerà il controllo, quindi sui layer, stili di quota, stili di testo o tipi di linea
clip_image014
Cliccando su impostazione possiamo scegliere se
clip_image016
Tenere sempre attivato il controllo dello standard che ci avvisa in tempo reale se violiamo lo standard del disegno o tenerlo disattivato e se in caso di violazione dello standard deve sostituire automaticamente le proprietà oppure deve mostrare solo le variazioni senza apportare modifiche, lasciando a noi la scelta
Cliccando su controlla standard effettuiamo il controllo tra il disegno aperto e lo standard
clip_image018
Nella casella Problema: troviamo descritto le variazioni tra il nostro disegno e lo standard
Se premo su risolvi il programma risolve il problema in automatico
Se premo Avanti passa al problema successivo
Se invece spunto “contrassegna questo problema come insoluto” il problema non viene risolto ma viene segnalato e ricordato
Se decido di risolvere una non corrispondenza tra layer, prima di premere risolvi devo selezionare il layer con cui voglio sostituire quello non conforme.
Tenendo il controllo degli standard attivato ogni volta che creiamo un layer, un tipo di linea , una quota o un testo diverso da quelli inseriti nel file standard il programma ci avverte immediatamente della violazione.
Provo a creare un layer nuovo chiamandolo LAYER1 e immediatamente appare in basso dello schermo la finestra di avviso
clip_image020
Nel pacchetto di installazione di autocad abbiamo addirittura un programma esterno a parte per effettuare in controllo degli standard in serie su molti file senza nemmeno aprirli, il programma in questione è il CONTROLLO BATCH PER GLI STANDARD che trovate nella cartella dove avete installato autocad
clip_image022
Lanciando il programmino ci troviamo in una finestra
Nella scheda DISEGNI carichiamo i file dwg da controllare
clip_image024
Nella finestra STANDARD carichiamo il file standard creato per il nostro studio
clip_image026
Nella scheda PLUG-IN spuntiamo le voci relative alle proprietà da controllare
clip_image028
Cliccando su controllo avviamo il controllo su tutti i file, questo programma è utile quando dobbiamo controllare molti file.
Possiamo anche salvare il file controllo batch per evitare di reimpostarlo ogni volta
Penso che per chi lavori a distanza con altre persone è una finzione molto utile no?
Voi cosa ne pensate?

Ti è piaciuto l’articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED

Autocad architetture 2010 : impressioni parte 1

Da pochi giorni ho scaricato la versione trial di autocad architecture 2010, ovvero la versione parametrica per l’architettura di autocad, come ogni programma parametrico, la complessità è oltre che nei comandi parametrici che hanno tantissime opzioni in più rispetto ai classici comandi 3d di autocad, ma è anche diversa l’organizzazione del disegno, infatti utilizzare solo i layer per diversificare i vari livelli e le strutture, come si fa quando si utilizza autocad 3d, per progetti architettonici complessi sarebbe davvero molto complicato.

Autocad architectural gestisce il progetto attraverso il PROJECT NAVIGATOR accessibile dal tasto posto nella barra in alto
clip_image002
clip_image004
In current project troviamo il nome del progetto un numero identificativo e una descrizione sommaria dell’opera
In level impostiamo i vari piani fondamentale per un cad parametrico architettonico la possibilità di fissare i piani del nostro edificio e spostarsi tra un piano e l’altro attraverso un navigatore, che conosce un po archicad sa che da diverse versione ha questa utilissima funzione piani

In divisioni invece troviamo un opzione secondo me importantissima che neanche archicad ha (si spera per le nuove versioni) in division è possibile identificare varie parti del nostro edificio o edifici diversi e gestire per ognuno di loro delle impostazioni di piani diverse
clip_image006
Mettiamo ad esempio di avere un edificio A con un ala B l’edificio A ha 3 piani con interpiano di 3 metri, l’ala B invece ha 2 piani con interpiano di 4 metri, fissando due divisioni è possibile gestire tranquillamente entrambi gli edifici. Oppure abbiamo un parco composto da 3 edifici A,B,C il primo ha interpiano di 3 metri, il secondo di 4 metri, il terzo di 2,70 metri, fissando 3 divisioni per ogni edificio è possibe gestire tranquillamente tutti e tre gli edifici ognuno con i suoi livelli.
Se il nostro progetto è una semplice casetta a due piani o un singolo palazzo ovviamente useremo una sola divisione
clip_image008
In construct invece distinguiamo due sotto categorie costruzioni ed elementi:
Con costruzioni si raggruppano elementi 3d che formano il nostro progetto che non si ripetono da nessun altra parte quindi muri solai finestre ecc.
Con elementi invece si raggruppano gli oggetti 3d che sono comuni ad altre parti dell’edificio stesso o ad altri edifici confinanti ad esempio vani scale con scale, vani ascensori con ascensore ecc
… continua

Ti è piaciuto l’articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED