Revit : differenze tra famiglie, tipi ed istanze

Uno degli argomenti su cui si fa più confusione in revit, almeno per chi è alle prime armi è la distinzione tra i vari tipi di famiglia.
Innanzi tutto la parola famiglia non deve impressionarvi in quanto le famiglie non sono altro che un modo simpatico inventato dai programmatori di revit per indicare tutto ciò che possiamo inserire nel programma, sia in 2d che in 3d , le famiglie sono quindi i muri, i solai, i tetti, porte, finestre, arredi, testi, quote ecc, ovvero tutto quello che possiamo creare con questo programma.
Le famiglie di revit si dividono in 3 grandi categorie
FAMIGLIE DI SISTEMA
FAMIGLIE CARICABILI
FAMIGLIE LOCALI
Vediamo le differenze  :
FAMIGLIE DI SISTEMA
 Appartengono a questa categoria tutti gli elementi strutturali di un edificio quindi:
muri, solai, tetti, scale, terreni, pilastri, travi, fondazioni
FAMIGLIE CARICABILI
Appartengono a questa categoria tutti gli elementi non strutturali di un edificio quindi:
porte, finestre, arredi, verde, impianti vari
FAMIGLIE LOCALI
Appartengono a questa categoria tutti gli oggetti unici modellati da noi in quel singolo progetto , usati una sola volta i quel progetto e probabilmente mai più riutilizzati, ad esempio un tipo di pilastro molto particolare e fuori dagli schemi che abbiamo progettato per un edificio e che difficilmente riutilizzeremo ancora.
Ognuna di queste famiglie ha regole ben precise di creazione, modifica ed eliminazione di cui parlerò in un altro tutorial.
Vediamo adesso la differenza tra
TIPI ED ISTANZE
Un altro concetto fondamentale in revit è la distinzione tra TIPO ed ISTANZA, per capirci facciamo un esempio con un muro.
Ognuna delle famiglie elencate sopra non sarà mai unica nelle sue caratteristiche, un muro ad esempio. Non esiste in nessun progetto un solo tipo di muro, ma ci sono muri di diverso spessore, di diverso materiale ecc.
 I TIPI sono questi, ovvero le varie differenze tra oggetti della stessa famiglia.
Facciamo un esempio con i muri
FAMIGLIA DI SISTEMA : MURO
·         TIPO   MURO 1 :  MURO 10 cm
·         TIPO   MURO 2 : MURO 25 cm
·         TIPO   MURO 3 : MURO 30 cm
L’ ISTANZA invece indica un singolo oggetto quindi non tutti i muri da 30 cm ad esempio ma soltanto quel singolo muro da 30 cm.

MODIFICHE SUL TIPO o SULL’ ISTANZA : DIFFERENZE

In revit è fondamentale capire se stiamo facendo una modifica sul tipo oppure sull’istanza, mettiamo abbiamo una casa con 10 muri da 30 cm, se volessimo cambiare materiale a tutti e 10 i muri facciamo una modifica sul tipo di muro da 30 cm e questa modifica avviene su tutti i muri.
Se vogliamo fare una modifica di un materiale soltanto su quel singolo muro allora facciamo una modifica di istanza soltanto su quel singolo muro.
Ti è piaciuto l’articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED

Tutorial revit 2010 : da autocad a revit geometrie di massa

In questo piccolo tutorial  vorrei  mostrare alcuni passaggi tanto per rompere il ghiaccio con questo bellissimo programma che in apparenza sembra molto complesso ma studiandolo bene ci si accorge che come tutti i programmi ben fatti non è poi cosi complicato.

In questo tutorial vedremo come importare un dwg da autocad a revit, come creare una massa studio del nostro modello e da questo ricavare velocemente muri, pavimento e tetto.
clip_image002
Sono partito da una semplice area in autocad che dovrebbe rappresentare l’ingombro del mio edificio, lo salvo e passo a revit 2010 per l’importazione.
Da qui dalla scheda inserisci – importa cad apro il pannello di importazione dei dwg
clip_image004
Il pannello è molto intuitivo, oltre a chiedermi il file da importare mi chiede una serie di opzioni
COLORI : ovvero se deve mantenere gli stessi colori di autocad, invertirli nel caso si usi lo sfondo bianco o nero, oppure se importare il modello in bianco e nero, ovviamente la scelta dipende da voi, se si tratta di un 2d molto complesso dove i colori possono aiutarvi nella compressione del progetto lasciate il 2d colorato, altrimenti importatelo in bianco e nero
LAYER: Possiamo scegliere se importare uno o piu layer del disegno
POSIZIONA IN CORRISPONDENZA DI : Dove vogliamo posizionare il 2d importato, possiamo scegliere il piano terra oppure creare un livello apposito che magari chiamiamo planimetria 2d
UNITA’ DI MISURA : Come si intuisce dobbiamo scegliere l’unità di misura del nostro file autocad, oppure lasciare il rilevamento automatico
clip_image006
Fatto questo importiamo il nostro 2d nella scena
clip_image008
clip_image010
Andandolo a selezionare vediamo che è stato raggruppato in una specie di blocco che andrò ad esplodere perché voglio cancellare le linee di quota che non mi servono per completare il mio lavoro, seleziono il disegno e nel pannello modifica scelgo esplodi completamento
clip_image012
clip_image014
Ripulito il disegno vado a creare la massa, dalla quale ricaverò il modello 3dclip_image016
Vado nel pannello volumetrie e planimetrie e attivo il pulsante mostra massa che consente di visualizzare o nascondere le masse volumetriche create con revit.
Clicco su massa locale per creare la massa, alla quale darò un nome e proseguo con ok
clip_image018
clip_image020
clip_image021
A questo punto posso definire la mai massa o premendo il tasto seleziona linee e cliccando sulle linee importate da autocad, oppure costruendomi la forma utilizzando gli strumenti linea quadrato arco cerchio ecc.
Una volta definita la forma vado su crea forma – formaclip_image023
Inserisco il valore dell’estrusione e do l’invio
clip_image025
Con il tasto termina massa concludo la forma della mia massaclip_image027
Fatto questo inizio a creare i pavimenti di massa che consentono assieme all’oggetto massa di studiare le volumetrie e le superfici del nostro progettoclip_image029
clip_image031
Il programma mi chiede su quale piano voglio creare i pavimenti di massa, ricordo che per impostare i livelli in revit è semplicissimo, ovvero basta aprire una vista di prospetto qualunque, appare il prospetto con i livelli che il programma crea di default, per modificarli basta semplicemente cliccare sul testo relativo alla quota e digitare il nuovo valore del livello
clip_image033
A questo punto volendo possiamo creare il vero modello 3d a partire dalla massa di studio che avevamo creato precedentemente andiamo nella scheda volumetrie – modello da superficie, da qui possiamo creare tetti, facciate continue, muri, pavimenti semplicemente selezionando la massa creata precedentementeclip_image035
Clicco su pavimenti e seleziono i pavimenti di massa creati precedentementeclip_image037
Nel pannello pavimenti scelgo le caratteristiche del pavimento e confermo con crea pavimento
clip_image039
clip_image041
clip_image043
Nello stesso modo creo i muri il tetto, la facciata continua del mio edificio semplicemente scegliamo da modello da superficie quello che voglio creare, clicco sulla superficie da trasformare scelgo le caratteristiche e confermoclip_image045
clip_image047
clip_image049
clip_image051
Spegnendo il tasto mostra massa la massa di studio scompare e resta il modello 3dclip_image053
clip_image055
clip_image057
clip_image059

Ti è piaciuto l’articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED

Revit : Settaggio piani

la prima cosa che dobbiamo fare quando iniziamo a creare un progetto con revit è l’impostazione dei livelli, per vedere i livelli predefiniti di base dal programma, nel navigatore a sinistra andiamo su una vista qualunque di prospetto

Ad esempio sulla vista est vedo che ci sono due livelli un piano terra a quota 0 e un primo piano a quota 3 m.
Se volessi modificare queste quote basta cliccare sul nome della quota e digitare la nuova quota

Ad esempio elevo a 4 metri il primo livello.
Se voglio aggiungere altri piani mi basta andare nel pannello superiore di creazione INIZIO e andare sulla voce livelli

Premo un tasto e sul prospetto traccio un nuovo livello, lo traccio a caso poi editando numericamente la quota lo posiziono alla giusta altezza

Ti è piaciuto l’articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED

Revit 2010 creare nuovi tipi di muro

Da alcuni giorni ho scaricato il demo in italiano sul sito ufficiale dell’ autodesk della versione 2010 di revit.

Non ho mai usato revit per i miei progetti ma devo dire che è davvero un ottimo programma e man mano che escono nuove versioni diventa sempre più potente

Appena aperto il programma questa è l’ interfaccia che ritroviamo, nella parte superiore i classici ribbon ormai presenti anche in autocad
In gestisci unità di misura andiamo a cambiare l’unità di misura ed impostiamo i metri

Per creare un muro nel pannello inizio selezioniamo il tasto muro

Cliccando sul muro appaiono le proprietà dell’oggetto muro sulla destra, di base sono precaricati alcuni tipi di muro con vari spessori
Inseriamo ad esempio un muro generico di 30 cm

Ci sono anche tipi di muri piu complessi, cioè composti da vari strati, ad esempio inseriamo il muro di tamponamento esterno da 30 cm

clip_image014
Il motivo per cui non vediamo i vari strati all’interno del muro è che dobbiamo aumentare il livello di dettaglio della vista, per fare ciò andiamo sul pannello navigatore a sinistra dello schermo, clicchiamo sulla pianta del pavimenti – pianta piano terra dove abbiamo creato il nostro muro e tasto destro scegliamo proprietà

Nel pannello proprietà istanze che si è aperto scegliamo il livello di dettaglio che vogliamo, gia un livello medio ci consente di visualizzare i vari strati di muro

Volendo possiamo creare nuovi tipi di muri con strati diversi e personalizzati, vediamo come

Selezionando un muro notiamo alla sua sinistra il tasto proprietà elemento che riporta due voci proprietà istanza cambia le proprietà solo del muro che andremo a fare adesso, proprietà del tipo invece cambia le proprietà a questo muro per sempre ogni volta che lo useremo anche per altri progetti.
Diciamo che io voglio creare un nuovo muro per utilizzarlo anche in altri progetti, vado quindi sul pannello proprietà del tipo e apro il pannello di settaggio

Duplico il muro esistente e cambio il nome, nel nome del muro inserisco anche lo spessore per ricordarmene velocemente quando scorro i vari tipi di muri in libreria

Cliccando sul tasto anteprima in basso a sinistra visualizzo un anteprima del muro con i vari strati, ovviamente gli strati che vediamo adesso sono gli strati del muro predente che ho duplicato per creare il mio nuovo muro.
A questo punto devo modificare le caratteristiche del vecchio muro e per fare ciò vado su struttura modifica

Nel pannello che si è aperto vedo i vari materiali e i loro spessori, cliccando su ognuno di essi posso scegliere dei nuovi materiali tra quelli preimpostati e scegliere uno spessore

Con inserisci crei un nuovo strato, cliccando su materiale accedi ad una finestra che contiene tutti i materiali di revit, puoi scegliere il retino ed il colore da visualizzare

Ecco il nuovo strato di muro, lo spessore totale si aggiornerà man mano in base ai nuovi materiali inseriti ed al loro spessore

Ti è piaciuto l’articolo? Per rimanere sempre aggiornato iscriviti ai FEED